I cookie ci aiutano ad erogare servizi web di qualità. Navigando il sito, accetti l'uso dei cookies.

Guida alle agevolazioni sulla ristrutturazione

ristrutturare

Riferimenti normativi e guide

Dal 1° gennaio 2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza. L’agevolazione è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 (art. 4) che ha previsto il suo inserimento tra gli oneri detraibili ai fini Irpef. Negli ultimi anni la normativa che disciplina la materia è stata più volte modificata. La più recente novità è stata introdotta dal decreto legge n. 83 del 22 giugno 2012 (Misure urgenti per la crescita del Paese) che ha elevato, anche se per un limitato periodo di tempo, la misura della detrazione e il limite massimo di spesa ammessa al beneficio. In particolare, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del citato decreto) al 31 Dicembre 2013, la detrazione Irpef aumenta al 50% e raddoppia il limite massimo di spesa (96.000 euro per unità immobiliare).

Approfondimenti: Guida ristrutturazioni edilizie

Agevolazioni in breve

È possibile detrarre dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) una parte degli oneri sostenuti per ristrutturare le abitazioni e le parti comuni degli edifici residenziali (spazi condominiali e residenziali comuni). La detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.

Quali sono le detrazioni di cui è possibile usufruire?

Periodo d’imposta 2013:

  • detrazione del 50% per le spese sostenute dall’inizio del periodo d’imposta fino al 31 Dicembre 2013, per un ammontare massimo di 96.000 euro, tenendo conto – in caso di mera prosecuzione dei lavori – delle spese sostenute negli anni precedenti.

Come viene ripartita la detrazione?

La detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.

Chi ne usufruisce?

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef). 

Quali sono i lavori di ristrutturazione ammessi ad agevolazioni?

Puoi trovare l'elenco sulla Guida ristrutturazioni edilizie. Aggiungiamo un punto importante: oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche le spese per la progettazione.

E per quanto riguarda l'IVA?

Il regime agevolato per la ristrutturazione prevede un aliquota IVA del 10% sia sulle prestazioni di servizi relativi alla realizzazione degli interventi di ristrutturazione, sia sull'acquisto di beni finiti. Ai fini economici, l'IVA è poi considerata parte integrante dell'importo su cui viene calcolata la percentuale di agevolazione.

L'IVA al 10% è applicabile per l'installazione di pavimenti in resina in regime di agevolazioni fiscali.

 

ARKdeko'  Design offre un servizio esclusivo rivolto ai privati ed agli studi di amministrazione condominiale, con in più la consulenza e la preparazione delle pratiche necessarie alla richiesta delle agevolazioni.

Richiedi informazioni

User Rating: 5 / 5

Thank You for rating this article.